sabato, novembre 05, 2005

 

Comments:
complimenti per questo blog meraviglioso.
e per i tuoi meravigliosi gusti.
Giulia

 

adesso ti toccherà cambiare il nome al blog, caro collega :)

 

e fu così che ti linkai, altrettanto sbalordita.
G.

 

No, no, che cambiare nome: ho spiegato sul blog che razza di autogoal sia.
azioneparallela

 

leggete azione parallela.

 

se non ci fosse azioneparallela...

www.francesconardi.it

 

Con Pera, Ratzinger e Ruini in giro, i vari Diderot & c. stanno a rischio.
E sarebbe un vero peccato!

 

O Montecristo, pensi che Pera Ratzinger Ruini e altri abbiano tanto potere? Il problema italiano è che sono in troppi a parlare e alla fine uno manco si ricorda più chi ha detto che cose. La censura è un ricordo del passato, se non vogliamo scherzare.

 

Sicuramente il problema italiano è che ci sono tanti galletti a cantare e che nessuno combina un cavolo.
Però...
attento: forse Pera non conta una pera, ma su Ratzinger e Ruini non ci giurerei.
Quantomeno a loro non dispiacerebbe tornare ai falò dei libri.
E poi abbiamo visto l'azione di semicensura nell'ultimo referendum, no?

 

No, un momento, Montecri': il referendum è andato in vacca per via di Santa Romana Chiesa? Gli piacerebbe, gli. Non sarà magari colpa di chi ha mescolato rape con ciliegie e ha preteso che il pòppolo le distinguesse? Tanto per cominciare, eh, perché lì la colpa, cioè il dolo, è assai diffuso.

 

La Chiesa ha "chiesto" ai suoi servetti del Parlamento di arginar il referendum.
I servetti hanno fatto in modo di mescolare mele e pere e hanno coattato l'informazione (vedi Vespa, per esempio).
Quanto è trapelato dalle tv l'utilità della ricerca?
Dissero: non è sicuro che servirà.
Grazie. La ricerca è tale propro perché prova, sbaglia, riprova, tenta...e FORS alla fine riesce.

Mi spiace, ma la Chiesa ha le su enormi colpe.

 

Perché presentare 4 referendum tutti insieme, sconnessi abbastanza l'uno dall'altro, in cui mele e pere sono mescolate dall'inizio? Perché non farli spiegare a scienziati, piuttosto che a politici, ignoranti della materia e piuttosto male in arnese? Perché non lasciare che fosse il Parlamento a normare in materia? Perché fingere che i temi del referendum fossero di stretta attualità? La Cei di Ruini, che non è la Chiesa cattolica, ha le sue colpe: ma non è la sola ad averne, e non ha le più pesanti.

 

silvio, scienziati che l'hanno spiegati e hanno scritto istant-book ce ne sono stati, il problema è che come sempre sui giornali e in tv, per ogni argomento, si preferiscono chiamare tre della curva nord e tre della curva sud anzichè gente del settore. e che mi dici della corte costituzionale?

 

Caro Silvio, Diderot ti ha già risposto. In ogni caso mi va di risponderti anche io, punto per punto:
1- Perché presentare 4 referendum tutti insieme, sconnessi abbastanza l'uno dall'altro

Questo è opinable. In ogni caso la corte costituzionale ha bocciato il referendum principale, che era quello che legaa tutti gli altri.

2 - Perché non farli spiegare a scienziati, piuttosto che a politici,

Chiediamolo a Vespa. Era lui e la tv in geneale che ha così deciso. Sul perché ti rinvio al mio precedente post

3- Perché non lasciare che fosse il Parlamento a normare in materia

Perché il Paralmento aveva già "normato" o meglio abortito uno schifo di legge (almeno secondo me e i referendari)

4 - Perché fingere che i temi del referendum fossero di stretta attualità

Bè, valuta tu: la ricerca per tante malattie non è importante? Certo, hanno risposto che finora la ricerca non aveva dato frutti. Ma cosa vuol dire? La ricerca è tal proprio perché "ricerca" qualcosa. Ci si proa, sperando che si riesca.
E questo l'hanno detto molti scienziati (a parte SOLO 2 di cui sinceramente proprio non ho capito le motivazioni).

Un saluto dal Conte

 

Posta un commento

<< Home