venerdì, febbraio 24, 2006

 

Stampa e regime



Ne parlano: Dottor Panunzio, Unpercento, Camillo, Wittgenstein, Carmilla.
Comments:
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

 

è vero, del fatto nella stampa nazionale si è parlato, ma non a sufficienza. Il Corriere, per esempio, gli ha dedicato a gennaio due aperture di denuncia, sulla scia del blog della madre, poi qualche breve e ora un pezzo che scagiona la polizia. Non molto. Non è tanto la responsabilità di quello che è successo il punto: io propendo per un eccesso di uso della forza da parte degli agenti per immobilizzare una persona alterata dalla droga. Cosa gravissima, ovviamente (ma questa tesi è solo una mia opinione). Il punto è il tentativo reiterato da parte delle autorità di nascondere i fatti e le responsabilità, senza che nessuno nella stampa non di partito abbia deciso di spedire un inviato vero a indagare e a capire cosa stava succedendo. La foto in prima pagina suona un po' come l'estremo tentativo di rompere il silenzio.

 

Ma bravo Dennis, ci manca soltanto il complotto della CIA, due spruzzate di disobbediensa civile, quattro cucchiaiate di antiberlusconismo, ed il discorso è chiuso.....

 

@ bartolo miao: la droga che francesco ha ingerito "parrebbe" un mix di eroina ketamina e morfina il tutto contenuto in quella cosa che normalmente viene chiamata una pasta..ne dovrebbe conseguire che quel tipo di droga non aumenta ma fa diminuire le capacità fisiche e l'aggressività, quindi la tesi che francesco avrebbe fatto chissà quale resistenza, secondo me regge ben poco..
qui viene spiegato un pò meglio il concetto:
http://italy.indymedia.org/news/2006/02/1003506.php

www.dottorpanunzio.splinder.com

 

emmmh..il nome del ragazzo è Federico, non Francesco..scusate l'errore.

www.dottorpanunzio.splinder.com

 

Mi consenta caro Gianluca, ma la sua è una autentica stronzata. E' risaputo che le droghe pesanti (come una pasta)hanno l'effetto di aumentare la resistenza alla fatica, aumentare l'aggressività e quant'altro. E per tua informazione i consulenti della procura ( esimi accademici di Bologna, non i primi venuti) hanno dichiarato che i traumi conseguenti all'azione della polizia non possono minimamente aver provocato la morte di quel povero disgraziato.Una volta tanto bisognerebbe avere più fiducia e rispetto nelle nostre forze dell'ordine, molto preparate e competenti, tra le migliori del mondo, invece di fare sempre dietrologia.
Finchè la sinistra non si libererà della sindrome del complotto, non potrà mai aspirare ad essere considerata una vera forza di governo, ma tutt'al più di opposizione fine a sè stessa ed inconcludente.

 

@bartolomiao...allora visto che ne io ne te siamo tossicologi ne esperti degli effetti chimici delle droghe sul nostro fisico, mi sono permesso di chiedere ad una mia amica laurenda in chimica farmaceutica qualche delucidazione e lei mi ha detto "gli oppiacei (morfina, diacetilmorfina, acetilmorfina) sono dei potenti depressivi sul SNC, mentre la ketamina da effetti opposti sul sistema respiratorio e cardiocircolatorio. assunto questo, nella peggiore delle ipotesi gli effetti potrebbero essere bilanciati... questo dipende però dalle concentrazioni delle singole sostanze e di conseguenza una risposta eccitatoria potrebbe essere data solo nel caso in cui la quantità di amfetamina fosse nettamente superiore... cosa impossibile nella fattispecie."
tra l'altro queste sono le stesse cose dette dal tossicologo che ti ho linkato (e che tu avrai sicuramente letto a questo punto.....o no?).
Il punto è che qui ci troviamo difronte a due perizie chiaramente di parte, una della famiglia e una della questura, entrambe, considerando i titoli di chi le ha formulate, di rilievo. quindi uno dei due mente..e se non metto assolutamente in dubbio la buona fede di una madre che ricerca solo la verità, qualche dubbio mi viene da parte delle forze dell'ordine che hanno aspettatato 7 mesi per rendere pubblica una perizia che si poteva fare in tre giorni...qui qualcosa non torna..non trovi?
e per favore tralasciamo inutili polemiche sul fatto che a sinistra si ha scarsa fiducia nelle istituzioni, che faremo un torto alla madre che invece è 2 mesi che ripete di averla..
stai bene..

www.dottorpanunzio.splinder.com

 

Voler comprendere come è morto un ragazzo di 18 anni non è né di destra, né di sinistra.

 

Il punto è che lo hanno massacrato di botte.
e che questo, in uno stato di diritto dovrebbe farci star svegli la notte per il disgusto...

 

Mi consenta di nuovo, caro Gianluca, ma anche io ho le mie conoscenze, ed ho parlato con un mio amico che, prima di essere trasferito nella polizia penitenziaria si è occupato, come poliziotto, di criminalità organizzata e lotta al traffico di sostanze stupefacenti. Mi ha raccontato che lui di episodi del genere ne ha visti a decine, e che la dinamica tipica è proprio quella raccontata dai poliziotti nel caso di specie che stiamo esaminando. Mi ha anche spiegato che gli impasticcati del sabato sera di solito si vanno a schiantare su un palo con la loro automobile proprio per l'elevato potere euforizzante di quelle sostanze stupefacenti, che danno nella maggioranza dei casi forze sconosciute ed inaspettate fino a quel momento. Non metto in dubbio quello che dice la tua amica farmacologa, però dovrai riconoscere con me che gli effetti di una sostanza possono essere alquanto diversi da individuo a individuo, fra le altre cose. Infine quando dico che la sinistra ha dei pregiudizi nei confronti delle forze dell'ordine ( non sto parlando di te, sia chiaro) dovresti darmi ragione: se parli con Caruso o Agnoletto, o anche solo Bertinotti, te ne accorgi benissimo.

 

che stress.
detesto chi vuole avere ragione senza possedere un minimo di cognizione di causa e/o conoscenze che non siano prettamente didascaliche.

dovrai riconoscere con me che gli effetti di una sostanza possono essere alquanto diversi da individuo a individuo

(...)
allora, iniziamo la piccola lezione di tossicologia spicciola/parte 1.
devi sapere che nel nostro cervellino ci sono dei recettori differenti, costituiti di diverse subunità legate tra loro, le quali permettono al farmaco (inteso anche come 'droga') di legarsi: infatti, senza un legame farmaco-recettore infatti non esiste risposta farmacologica.
i farmaci possono essere agonisti (puri o parziali) o antagonisti, a seconda che aumentino o contrastino la naturale funzione del recettore.
in conclusione: per quanto possano esistere minime reazioni differenti tra soggetto e soggetto, la morfina non può dare eccitazione; l'eroina viene metabolizzata nel fegato in tempi brevissimi ed, essendo un derivato sintetico acetilato della morfina, viene prima metabolizzata a 6-acetilmorfina e, in seguito, idrolizzata in morfina (che ha un'emivita di tre ore circa), per cui vale il discorso di cui sopra.
effetti degli oppiacei sull'organismo:
analgesia, sonnolenza, obnubilazione, riduzione dell’acuità visiva, apatia e letargia, ottundimento delle facoltà sensoriali, depressione dei centri respiratori a livello del tronco encefalico, vasodilatazione periferica e ipotensione. (nulla che faccia presagire la traformazione in uomo lupo)
l'aggressività viene fuori SOLO nella sindrome da astinenza.

per quanto riguarda la ketamina, essa ha un'azione completamente differente, che viene però 'bloccata' dagli oppiacei... un po' come avviene con i farmaci anoressizzanti normalmente presenti in commercio. (cfr bupropione, potassio clorazepato e fendimetrazina)

che danno nella maggioranza dei casi forze sconosciute ed inaspettate fino a quel momento

bah.
la fiera della banalità e della disinformazione.

(la 'farmacologa' - in realtà CTF - citata qui sopra)

 

Io sono d'accordo con Ondina. Non ci scaldiamo troppo, ragazzi, tanto difficilmente verremo a sapere dove sta la verità.

 

non è un problema di scaldarsi troppo , ma di cercare di fare luce anche sui luoghi comuni che spesso fanno dare giudizi affrettati. Insomma se qualcuno di più competente di te (è un te generico..) ti spiega grazie ai suoi studi che quello che stai dicendo non è assolutamente vero, una persona intelligente si fa un attimo umile e ritratta la sua posizione.
e cmq se si parte dal discorso che non sapremo mai la verità, allora si invalida anche il tentativo di parlare della vicenda, o quantomeno si entra in una spirale di disfattismo che non giova a nessuno ma solo a chi vuole l'insabbiamento (perchè mi dispiace , ma per chi ha seguito la vicenda dall'inizio, la volontà d'insabbiamento era palese; infatti è stata proprio quella a spingere la madre ad aprire un blog)

www.dottorpanunzio.splinder.com

 

i commenti di nandina e undine hanno sinteticamente centrato la questione. ringrazio gianluca e sakti per i puntuali commenti e chiedo a bartolomiao se può riferirci quanto ha saputo parlando con "Caruso o Agnoletto, o anche solo Bertinotti" riguardo ai loro "pregiudizi nei confronti delle forze dell'ordine".
(ancora una volta tocca citare uno che di cose losche se ne intendeva: "a pensar male si fa peccato ma qualche volta ci s'indovina. ma quella è un'altra storia.)

 

Percaritadiddio, Gianluca! Era solo un'amara constatazione. Il disfattismo non c'entra.

Ciao.

 

scusate se insisto, ma oggi è uscita la deposizione medico legale dei consulenti della famiglia, che non fa altro che confermare quanto già detto nei commenti sopra. Però questo è un atto ufficiale, che forse porterà ad un processo. Leggetela con attenzione:
http://federicoaldrovandi.blog.kataweb.it/federico_aldrovandi/2006/03/1_marzo.html

 

l'assunzione di morfina dopo la cocaina ha lo scopo di diminuire il down della coca, chi fa uso abituale lo sa bene, sa anche che questo mix è mooolto pericoloso,seppur nascondendo l'effetto eccitante della coca è una possibilità incorrere a proprio rischio e pericolo in coma oppure morte( ve lo posso assicurare, perchè è la causa di morte di mio babbo)la morte avviene per arresto respiratorio e/o cardiocircolatorio!!

 

il fatto è che voi vi soffermate sugli effetti di queste due droghe assunte singolarmente, non conosco la storia di questo tizio, ma leggevo i che si parlava di un mix cocaina e morfina e vi assicuro che chi assume morfina o eroina dopo aver assunto coca lo fa per sentire meno l'effetto del down o per non farsi scoprire ma il rischio più comune è quello di morte come vi ho spiegato prima per esperienza personale... Benny

 

Posta un commento

<< Home